fitoterapia, medicina alternativa, medicina naturale, naturopatia

vaccini sì, vaccini no, vaccini come?

Vi propongo “quattro chiacchere” sui vaccini,  la prevenzione e l’attenuazione delle sindromi influenzali stagionali, con la dottoressa Marcella Brizzi, medico naturopata, direttrice della Scuola per Operatore Naturopata del Benessere presso Centro Natura, Consulente del Centro di Metodologie Naturali delle Terme di Riolo (RA).

Da più giovane e inesperta, fino a qualche anno fa, ero molto idealista, più ignorante e un po’ talebana …e galoppavo senza compromessi contro lo spreco di soldi pubblici e contro la pericolosa spregiudicatezza delle campagne di vaccinazione invernale di massa, convinta com’ero ( e sono tuttora) che costi assai meno e funzioni e renda di più, insegnare e diffondere la cultura della prevenzione naturale e primaria. Cioè migliorare l’equilibrio energetico e rinforzare le difese della gente attraverso la conoscenza e il sostegno dei punti meno forti della propria costituzione  … imparando, sperimentando e applicando correzioni congrue, ad personam (imparare sempre dall’avversario!) alle abitudini alimentari e al proprio stile-filosofia di vita, in modo da godere di più vitalità, guarire più in fretta quando serve ammalarsi, godere di più e stare sempre meglio ammalandosi sempre meno!

Chi volesse trovare e imboccare questo cammino ricco di belle sorprese, squarci e panorami incantevoli, disseminato di tesori, occasioni e incontri veramente magici e preziosi, può iscriversi alla http://www.scuoladinaturopatia.it di TING e del Centro Natura di Bologna, che forma i leggendari Operatori Bionaturali del Benessere – in una parola Naturopati, o avvalersi della loro consulenza: esperti e referenziati quelli elencati su http://www.newting.org alla voce Curarsi con Ting

Col tempo, lo studio e l’esperienza, via via ho poi verificato che esser tranquilli e fiduciosi, piuttosto che rosi dall’ansia e dall’inquietudine, tiene più in forma il nostro sistema immunitario … e non solo: ciò di cui ciascuno è convinto è di estrema importanza nel generare la realtà e condiziona le reazioni dell’organismo! Perciò chi crede che se si vaccina starà meglio… è meglio che lo faccia!

Sia la fisica che la biologia infatti son giunte da un po’ a dimostrare scientificamente questo fatto, come ben spiegano, oltre a diversi film come The Secret e quelli di Harry Potter, due libri illuminanti, rigorosi e tuttavia divulgativi e comprensibili:

TUTTO E’ UNO di Michael Talbot, ed. Urrà ( chi non sopporta i primi due capitoli, che divulgano con molti dettagli le scoperte della fisica, può fidarsi, saltarli e passare oltre…) e LA BIOLOGIA DELLE CREDENZE di Bruce Lipton, Macroedizioni, il cui succo si trova anche nel DVD dello stesso autore  ed editore dal titolo LA MENTE E’ PIU’ FORTE DEI GENI accessibile anche in rete: http://www.youtube.com/watch?v=CI1D2DlqCFw

Quindi se vogliamo ottimizzare l’investimento che facciamo anche collettivamente nel vaccinare le masse cosiddette a rischio : anziani, lavoratori a contatto col pubblico, sanitari, insegnanti, militari, forze dell’ordine ecc. (… sperando che tutti vegliamo perchè chi decide per lo Stato quali vaccini scegliere, prodotti con quali procedimenti e garanzie, sia persona sapiente e saggia e non un povero criminale corrotto alla disgraziata ricerca del profitto per il profitto e del potere per il potere ), il punto è :

perchè il vaccino convenzionale funzioni, cioè immunizzi efficacemente contro l’influenza, occorre che il soggetto che riceve l’iniezione-stimolo abbia energia e vitalità sufficienti per reagire sviluppando le difese specifiche, cioè i cloni di cellule difensive attivate a riconoscere e controllare il tale e tal altro ceppo virale di cui è composto il vaccino. Da evitare quelli con l’aggiunta di fattori cosiddetti adiuvanti o potenzianti, che in diversi casi si son rivelati col tempo assai pericolosi!!

Quindi il giorno in cui ci vacciniamo dobbiamo sentirci bene, in buona forma, non avere malesseri, non esserci abbuffati o ubriacati la sera prima, nè esser troppo stanchi, altrimenti si rischia di non reagire abbastanza e di non esser poi protetti, e anche sviluppare sintomi di malattia acuta. In caso di malesseri, meglio rimandare.

Chi sa di esser cagionevole, tende a trascinare i disturbi, li cronicizza o fa ricadute, è importante che rinforzi il sistema immunitario sia prima di vaccinarsi , sia in generale per ammalarsi meno e guarire prima.

A tale scopo è indispensabile curare l’intestino affichè funzioni regolarmente e non soffra disturbi dovuti a cattiva digestione.

Attenzione: la digestione funziona solo se il cervello sente accuratamente il sapore di ogni granello di ciò che stiamo per ingoiare, cosa che avviene solo masticando fino a sciogliere bene in bocca ogni boccone per assaporarlo e godendo per il piacere del gusto e dell’energia vitale sprigionati dal cibo!

La flora batterica che abita il tubo digerente è necessaria per mantenere le difese e va aiutata con la buona qualità del cibo, che deve essere naturale, ricco di fibre vegetali, senza pesticidi. Questi veleni, così come uccidono i batteri e i parassiti delle piante in coltivazione, oltre a intossicarci danneggiano anche quelli simbionti, cioè i batteri collaboranti alla nostra salute. Per mantenere una flora sana ( eubiosi ) si possono assumere preparati cosiddetti PROBIOTICI a cicli di almeno un paio di settimane, soprattutto durante periodi di maggiore fatica e stress e/o cattiva digestione, alimentazione di scarsa qualità o necessità di trattamenti antibiotici e/o chemioterapici (in quest’ultimo caso iniziare l’assunzione di Probiotici subito dopo e continuare per almeno 3 settimane).

Oltre a ciò servono alimenti naturalmente ricchi di vitamine e minerali come cereali, legumi, frutti e ortaggi coltivati bio e prodotti da animali cresciuti sani felici.

Attenzione: è importante evitare l’uso abituale di cibi insaporiti con il Glutammato monosodico (indicato nelle etichette dei prodotti industriali anche come MSG o E621) e l’Aspartame ( E951), additivi chimici molto pericolosi per tutti, vecchi, giovani e bambini!

Esistono poi molte piante utili e collaudate nel rinforzare le difese, fra cui ECHIANCEA e UNCARIA, e molte alghe fra cui anche le monocellulari verdi-azzurre come CHLORELLA, KLAMATH, SPIRULINA… e si trovano in commercio anche combinate tra loro; molto nota  anche l’utilità dei fermentati di PAPAIA (una dose al dì) e degli oligoelementi ORO-RAME-ARGENTO, una dose a giorni alterni per almeno un paio di mesi, da intercalare ad altri scelti a sostegno della propria personale costituzione . Tutti i rimedi, se usati a cicli intervallati da pause, risultano più efficaci; e comunque almeno 2-3 settimane di trattamento e qualche giorno di riposo dovrebbero precedere ogni vaccinazione per ottenere la massima risposta.

Insieme ai naturopati, anche farmacisti ed erboristi preparati sapranno consigliare prodotti di qualità e suggerire dosaggi efficaci e proporzionati alla corporatura; gli appassionati di piante potranno coltivarle o andare a raccoglierle nelle stagioni appropriate dove crescono spontanee e pulite,  e imparare a conservarle e a utilizzarle: è bellissimo a fine giugno raccogliere i gialli fiorellini di IPERICO da far macerare in olio d’oliva. Schiacciati fra le dita, le tingono di rosso e in sole tre settimane l’olio assume un meraviglioso denso color rosso rubino: un cucchiaino da caffè, cioè 20-30 gocce di questo oleolito da assumere 1 – 2 volte al dì ai pasti, oltre a migliorare l’efficienza difensiva, ha la forza di sostenere il tono dell’umore e attenuare la depressione scacciando angosce e paure! Applicato sulla cute inoltre medica prontamente e allevia bruciature e arrossamenti.

Altro atto indispensabile per la salute, baluardo facile da attuare quanto possente, è sostituire il povero  NaCl , sale raffinato e/o iodato, altrettanto nocivo, anzi di più, con il  SALE MARINO INTEGRALE vero, che contiene più di 80 fra macro e oligo-elementi ed è indispensabile per il buon funzionamento dei neuroni e di tutte le cellule, cero oro bianco necessario alla vita e alla salute! Lo insegna magistralmente da molti anni la mia amica, grande e infaticabile dott.ssa Sabine Eck nel suo prezioso libro IL SALE FA BENE – Edizioni ANDROMEDA

Per concludere l’argomento (… coraggio: se hai letto fin qui sei una forza e mancano solo poche righe!) occorrono altre 90-100 parole sui cosiddetti vaccini omeopatici che possono integrare o sostituire quelli convenzionali, purchè chi li usa e chi li consiglia sia persuaso della loro utilità… altrimenti ne risulterà condizionata e assai impoverita la risposta dell’organismo! Ciò accade ed è dimostrato per tutti i tipi di farmaci e di sostanze.

Si tratta di vari rimedi in commercio a prezzi accessibili: Oscillococcinum … InfluenzinumHomeos 42 … e vari altri mix di nosodi batterico-virali, diluiti e dinamizzati in genere alle potenze 200 K o C (= CH) da assumere in forma di monodosi una volta ogni 1 o 2 o 3 settimane, volendo anche a rotazione: 1a domenica uno, 2 a domenica l’altro, 3 a domenica l’altro ancora…  Anche questi sono stimoli per l’assetto difensivo, solo agiscono comunicando con l’organismo sul piano dell’informazione più sottile di quella cosiddetta ponderale , ma ugualmente funzioneranno meglio se prima, durante e dopo ci si tratta con amorevole rispetto e se nell’autunno e nell’inverno si fanno un paio di settimane al mese di fitoterapia e integrazione immunotonica e ricostituente.

I rimedi citati e i consigli sono applicabili in tutte le età, calibrando dosi e modalità di assunzione ad arte e con buon senso.

Grazie d’aver letto fin qui, di divulgare quanto scritto se lo ritieni utile, e di regalarmi arricchimenti, critiche, precisazioni ed esperienze scrivendo a marcella.brizzi@fastwebnet.it.

Buona salute a tutti!


2 pensieri riguardo “vaccini sì, vaccini no, vaccini come?”

  1. ho letto con estremo interesse la Sua recensione che condivido pienamente anche xchè, ne sono a conoscenza da parecchi anni. Infatti sia io che la mia fam.ci curiamo con l’omeopatia e cerchiamo di mangiare biologico il + possibile. Nelle vaccinaz.omeopatiche che ha sopracitato, non ho visto ANAS BARBARIE. Un tempo la nostra omeopata ci prescrvera l’OSCILLOCOCCINUM ma, ora ce l’ha sostituito appunto con quello. Lei che ne pensa? La ringrazio e Le posso assicurare che da parte nostra abbiamo sempre cercato tra le nostre conoscenze di promuovere queste idee.

    1. grazie per il commento che ha lasciato.. per l’anas barbarie mi occorre informarmi meglio in quanto l’omeopatia in teoria come naturopata non potrei usarla… ma appena riesco le farò sapere. intanto le auguro un sereno e bel natale!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...